Stai pensando di praticare uno sport ma non sai quale scegliere?

I tuoi amici fanno pallavolo ma non ti senti portato per gli sport di squadra, oppure temi di non avere costanza, ti spaventano le competizioni, temi il giudizio degli altri? Paradossalmente, scegliere uno sport per cui non credi di essere portato potrebbe aiutarti moltissimo a superare i tuoi limiti e dare un boost alla tua autostima.

“Per scegliere uno sport bisogna fare una sorta di bilancio di competenze ovvero analizzare le tue caratteristiche personali che consideri rilevanti, ad esempio la tua capacità di relazionarti, di gestire lo stress, se ti senti più portato a lavorare in gruppo o singolarmente”.

Il potere magico della motivazione

La motivazione è quella spinta a praticare lo sport che hai scelto, che ti fa andare avanti e continuare. Capire qual è il tuo tipo di motivazione è importante. “La tua motivazione è intrinseca se lo sport che hai scelto di fare ti stimola, ti diverte, ti fa sentire la sfida. È estrinseca se cerchi costantemente feedback e approvazioni dall’esterno, o premi e ricompense.”. È molto diverso fare uno sport perché ti spingono i tuoi genitori, o perché vuoi vincere a tutti i costi, da farlo per te stesso e perché ti piace da pazzi giocare le partite, le corse, allenarti, sentire il gesto atletico, superare i tuoi limiti.

Forse dai scontate alcune delle tue capacità, ma per scegliere uno sport è necessario fare un elenco di quali sono e individuare l’attività che ti aiuti a valorizzarle.

Se hai praticato uno sport in vita tua, sai anche che ci sono momenti di stanca in cui vorresti mollare. Non sono i giorni no, in cui invece di trascinarti col borsone a fare allenamento preferiresti rimanere sprofondata sul divano, ma periodi in cui senti che non ci trovi più gusto. Potrebbe essere un calo di motivazione, forse perché non ti diverti più o la sfida non ti entusiasma come all’inizio. Può succedere e in quel caso nessuno ti obbliga a continuare.

Lo sport ti rende una persona migliore

“Lo sport ti permette di metterti alla prova e di confrontarti con le tue paure”,

Ti fa conoscere i tuoi punti di forza e quelli di debolezza e ti permette di accettarli così come sono perché nessuno è perfetto.

“Ti fa vivere tutte le emozioni senza che qualcuno ti giudichi, può farti sentire più forte e capace, ma anche apprezzato dai tuoi compagni o dal tuo allenatore. Ti fa divenire consapevole che sei in grado di raggiungere i tuoi obiettivi con sacrificio e impegno. E quando, dopo tanto duro lavoro, vedrai i risultati non avrai raggiunto solo il tuo obiettivo, ma avrai imparato a gestire lo stress, a resistere a qualsiasi attacco perché sai che se vuoi puoi farcela e a credere più in te stesso e nel tuo valore.”

Schermata 2018-04-14 alle 14.23.25